Stelutis

Se tu vens cà sù ta’ cretis
là che lôr mi àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis;
dal miò sanc l’è stât bagnât…

Par segnâl, une crosute
jè scolpide lì tal cret;
fra che’ stelis ‘nàs l’erbute,
sot di lor jo dùar cujet.

Ciol, su ciol, une stelute
che ricuardi il nestri ben:
tu ‘i darâs ‘ne bussadute
e po’ plàtile in tal sen.

Quant’ che a ciase tu sês sole
e di cûr tu preis par me,
il miò spirt ator ti svole:
jo e la stele ‘o sin cun te.

 

Questa è la canzone che è diventata un po’ il simbolo della morte di mio papà. Il coro del CAI ce l’ha cantata al funerale. Lui a me la cantava per addormentarmi, sussurrandomi anche la traduzione nelle pause tra un verso e l’altro. Mi manca tremendamente, ogni giorno di più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...