Mediazioni di settembre

Le pile di libri scolastici sono ancora sul pavimento del salone. Mi ha assicurato che quest’anno sarà più ordinata e che a un certo punto li sposterà. Del resto la sua camera ha bisogno di un restyling, non ha mica più 11 anni (ne ha 12).

Come distinguere quello che mi esaspera perché è un atteggiamento da correggere da quello che mi esaspera perché lei è diversa da me? Togliersi tutti i compiti subito è riposare dopo è necessariamente meglio di riposare prima di studiare? I miei dubbi si sprecano, in questa genitorialità esercitata anche via Whatsapp.

Ha 12 anni, mi dice qualche madre di adolescwlente vero, non ti illudere. Il bello deve arrivare. Finché non arriva mi godo la sua premura, la sua dolcezza, la sua risata senza ombre.

Certe volte si discute, certo. E io a volte parto per la tangente. “Ma come ci siamo arrivate a parlare di questo?”, mi interrompe lei a un tratto. E io, che mi ero sentita brevemente illuminata, mi rivedo nelle vesti di vecchia rimbambita che parla da sola.

One thought on “Mediazioni di settembre”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...