Il sabato è stato salvato in corner con una bella passeggiata a piazza Navona, che ha deliziato Meryem. Il tempo questi giorni è perfetto: sole, cielo azzurro intenso e vento freddino. Mette voglia di uscire, di camminare e di fare cose. Non è che ne facciamo tante, a dir la verità. Però va bene lo stesso.

Adoro abitare a Roma. Anche se non esco più tanto, se non giro come una pazza tra un’attività e l’altra. Già l’idea di andare in ufficio attraversando il Tevere mi ringalluzzisce. C’è quel panorama dell’isola Tiberina, con la sinagoga sullo sfondo e il ponte rotto – e se ti giri dall’altra parte, ti becchi anche il Gianicolo e la cupola di S.Pietro – che ti rimette al mondo anche nella più deprimente delle giornate. Un giorno che tornavo dall’ufficio ho visto un arcobaleno perfetto proprio sopra il fiume, da una sponda all’altra. Disegnato come nei cartoni animati. E allora che ti frega se il tram è un po’ affollato, se dai finestrini vedi questo? Se poi uno non è in ritardo, può anche scendere alla fermata prima del ponte e farsela a piedi fino a Largo Argentina, fermandosi a metà del ponte a guardare il fiume da una specie di piccola terrazza. I gabbiani ti volano davanti – di solito ce n’è sempre uno posato sulla testa della statua sul tetto dell’ospedale.

Poi c’è l’altro ponte, quello del mattatoio. Più intimistico e adatto alle riflessioni serie. Quando avevo il mio cane stupendo, che dà il nome a questo blog, io e lei camminavamo a lungo da quelle parti. Alberi grandi, strade trafficate ma anche silenziose, specialmente di domenica mattina. Io pensavo a una vita che sembrava senza via d’uscita e, più tardi, a un cambiamento radicale che non riuscivo a immaginare fino in fondo. Chissà che pensava lei.

6 pensieri riguardo “”

  1. mi hai fatto pensare alle mie di lunghe passeggiate con il mio cane e mi son venute le lacrime agli occhi e il nodo alla gola… mannaggia, questi nostri amici che ci accompagnano silenziosi e che quando se ne vanno davvero ci portano via un pezzo di cuore…
    un bacio 🙂

  2. Anche a me, le rare (purtroppo) volte che ho girato Roma con i mezzi di superficie, è venuto in mente un pensiero del genere. Ma pensavo che fosse una roba da turista, anzi, credevo che i romani manco ci facessero più caso, alle bellezze in cui vivono.
    È bello sapere che le apprezzate almeno quanto noi “stranieri” 🙂

  3. Tu non ti chiedi mai come sarebbe stato se il tuo cane e tua figlia si fossero conosciuti? Io spesso: la mia Sissi è morta nel 2001, ma, ogni volta che c’è un grosso cambiamento nella mia vita, mi chiedo che cosa ne avrebbe “detto” lei.

  4. queste sono le cose per cui ho sempre amato molto roma e per le quali mi sarebbe piaciuto viverci…certi dettagli non è da tutti notarli e quando faccio presente ai romani che conosco queste fortune, non tutti si rendono conto del patrimonio di bellezza di cui sono spettatori ogni giorno…

    brava chià!
    spero di venirti a trovare presto lì a roma e di portare le bimbe a vedere cose così belle…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: