Questo weekend ho (finalmente) scoperto una cosa. Che posso concedermi anche io un diritto inviolabile di ciascun essere umano adulto: poltrire a letto ino a ora tarda (vabbé, relativamente tarda: ma è già una conquista). Meryem, di tanto in tanto sedata con qualche cartone di RaiSat Yoyo (l’unico canale che puoi lasciare acceso per un po’ senza timore di trovarti Winx ancheggianti o pellerossa squoiati), sostanzialmente si adegua: giocherella con qualcosa, sonnecchia anche lei, inganna il tempo. Quando proprio si è rotta, mi ulra nell’orecchio: "Mammaaaa… Ti alzi, adesso???". ma un’ora, un’ora e mezzo così si guadagna. Poi la giornata, diciamocelo, è un’altra cosa. Anche se Nizam, come oggi, decide di passare una mattinata con noi e si dirige al centro commerciale. Una specie di incubo. Ne siamo usciti con due timide bustine della Coop. Non contento, per pranzo si dirige da Burger King. Meryem addenta un cheesburger e mi guarda incredula. Dopodiché si butta sotto il tavolo e non tocca altro. Saggia decisione, decisamente. Comunque anche questa domenica pigra sta per finire.

One thought on “”

  1. Che le domeniche pigre quando si può, ci vogliono tutte. Poi guarda, più crescono e più diventano autonomi la mattina del weekend. perché capiscono che finché ci lasciano dormire fanno quello che gli pare.

    Mammamsterdam

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...