Ho parlato spesso della mia contraddittoria natura, che mi rende timidissima per certe cose (fare una telefonata, trattare con il commesso di un negozio, ambientarmi a situazioni tipo festa o aperitivo se non conosco già bene qualcuno…), ma disinvolta, se non spudorata in altre. Il video della scarpa più brutta del mondo parla da solo.
Tra ieri e oggi, per motivi "fiscali", ho dovuto illustrare a diversi commercialisti la mia situazione anagrafica, a dire il vero un po' ingarbugliata. Le conversazioni sono state di questo tenore: "Sono separata, se tutto va bene quasi divorziata, però convivo e ho una figlia. No, la figlia non è dell'ex marito, è del mio compagno. No, non sono una ragazza madre. Certo che l'ha riconosciuta. Ma no, non convivo con il mio ex marito!". E via così. Questo fatto di dover spiegare nel dettaglio a persone che conosco a mala pena le evoluzioni della mia vita sentimentale, mi ha in un certo senso anche divertito. Un commercialista mi ha definito "un caso studio". Un'altra aveva capito che la figlia, dell'ex marito, fosse successivamente stata riconosciuta da Nizam. Che, per inciso, credo che sia l'unica situazione più complicata di quella in cui mi trovo.
Eppure a vederci non sembriamo tanto strani. Certo, lui è curdo e fa il kebabbaro. Io sono laureata in cose improbabili e faccio un lavoro, completamente diverso, che mi risulta anche un po' difficile descrivere ("impiegata", ho scritto sobriamente nella casellina "attività esercitata"). Ma se si giudicasse dalla difficoltà di inserire correttamente in un formulario la nostra quotidianità, sembreremmo un caso da giardino zoologico. E ecco che spunta che domani dovrò chiedere l'autorizzazione all'INPS di inserire mia figlia nel mio nucleo familiare. Non suona un po' bizarro? Mi ha confortato il fatto che sul certificato del mio stato di famiglia, Meryem viene inequivocabilmente definita "figlia". Per un attimo ho temuto che ci scrivessero "affine". Certo, Nizam non c'è. Ma non si può avere tutto dalla vita, no?

12 pensieri riguardo “”

  1. Però, mia cara, dovrai pur fartene una ragione, prima o poi, che la normalità è un dato statistico e, in quanto a statistica, la tua vita è più improbabile della materia in cui ti sei laureata…Ciò posto, non ho ben capito quale dovrebbe essere il problema nell'inserire Meryem nel tuo nucleo familiare a prescinere dalla sua paternità (purtroppo certa, con grande dispiacere di tua suocera…)Silvia

  2. lascia stare che io son messa peggio.io il figlio l' ho fatto con l' ex-marito … e ora convivo con il mio compagno.che è separato anche lui – da tanti anni – e ha un figlio grande.basta?????ma anche io non ho ben capito perchè meryem non dovrebbe rientrare nel tuo stato di famiglia …già la vita si sta complicando in generale per tutti ( perchè ci sono dei nuclei familiari ormai veramente improbabili, tipo il mio ), però se ci si mettono anche loro …paolap.s. lo sai, eh, che ho adorato l' uscita della scarpa durante la riunione a milano …???

  3. Anche io ho dovuto inserire mia figlia nel mio nucleo familiare … mi sa che è più normale di quanto credi 😉 … io invece mi sento strana quando mi chiedono la professione "geometra … attualmente disoccupata" mi fa strano dirlo :(Elisa

  4. anche io ho dovuto chiedere all'inps di inserire mio figlio nel mio nucleo familiarel'autorizzazione mi scade nel 2012, se non finisce prima il mondo :Dpoi dovrò chiederlo di nuovoe questo solo perchè non sono sposata, come teClaudia-cipi

  5. Adesso ho capito! Avevo capito che non volevano fartela inserire, invece è soltanto che ti chiedi il motivo per il quale devi compiere questa formalità!Facile: dato che tu e Nizam non costituite un nucleo familiare (se non mi ricordo male non è residente a casa vostra e non siete sposati), l'INPS vuole solo sapere se Meryem è nel nucleo familiare del padre o della madre. Tutto qui.Se foste sposati si considererebbe un nucleo familiare anche con due residenze diverse. Se foste residenti nello stesso posto anche in quel caso costituireste un solo nucleo.E comunque l'INPS vuole sapere solo chi si accolla, fiscalmente, la pupa! Aò, ma sti commercialisti che non sanno rispondere? Dove li trovi???

  6. Ebbene no. Siamo residenti nello stesso posto, siamo verosimilmente lo stesso nucleo familiare (è così ad es. per l'ISEE, o almeno è così che a suo tempo mi hanno detto), ma nel certificato di stato di famiglia per assegni familiari da me oggi richiesto in circoscrizione lui non c'è. Vabbé. Comunque devo farmela autorizzare perché è nata fuori dal matrimonio, sostanzialmente. Almeno così mi pare di aver capito. Domani andrò all'INPS…

  7. Si, d'accordo, ma almeno potresti capire perchè non c'è nello stato di famiglia? Per essere nello stato di famiglia basta essere residenti nello stesso posto.Magari, a tempo perso, chiedere conto di questa anomalia al municipio.(sempre Silvia)

  8. Effettivamente se abitate assieme sullo stato di famiglia ci dovrebbe essere.. perchè ho avuto per dei clienti il problema opposto, di chi non c'entrava nulla ed invece compariva..Saresti stato un perfetto caso per noi! Tutta la roba strana ci capita! Comunque un caso come il tuo ce l'abbiamo!Sta burocrazia…quasimamma

  9. Forse, quando lui ha cambiato residenza, non vi hanno fatto firmare l'accettazione di convivenza? O, se avete firmato, non hanno riportato correttamente l'autorizzazione? Nel secondo caso, basta farglielo controllare e poi modificano il dato. Nel primo, eh, dovete firmare…

  10. Hm, anch'io mi aggiungo al coro di chi dice "strano che Nizam non risulti sul tuo stato di famiglia". Nel 2004,  quando ho cambiato residenza perché sono venuta a vivere con Luca, mi hanno messa automaticamente sul suo stato di famiglia, senza neanche propormi un'alternativa.Poi, per carità, con il fatto che Nizam è straniero non oso immaginare che casini possa fare la legge…

  11. Io non mi sono mai sposata, il mio compagno è divorziato.Abbiamo una figlia che lui ha riconosciuto (anzi, che abbiamo riconosciuto entrambi, visto che quando non si è sposati il riconoscimento deve avvenire alla presenza di tutti e due i genitori).Lui non ha altri figli, quando l'ho conosciuto era da poco separato, poi la sua ex ha avuto una bimba da un altro, nel frattempo sono passati tre anni e hanno divorziato nel novembre 2008, quando io ero incinta di 4 mesi.In ogni caso, lui già figurava sul mio stato di famiglia avendo preso la residenza nello stesso posto da maggio 2008, cioè a casa mia.Da aprile 2009 (nostra figlia aveva una settimana) non abbiamo più casa. Distrutta dal terremoto.Nonostante questo, nessuno ci ha mai fatto storie né al momento di riconoscere la bambina (per ovvi motivi in grande ritardo, cioè  circa un mese dopo la sua nascita) né al momento di dichiarare la nostra residenza ai fini del censimento post sisma, perchè, in effetti, entrambi avevamo la residenza nella stessa casa e figuravamo quinsi nello stesso stato di famiglia, al quale si è aggiunta la bambina.Se ci rifletti bene, la tua situazione generale mica è poi così ingarbugliata.Probabilmente il nocciolo della questione è lo status di Nizam.Il mio compagno, pur non essendo italiano, ha la cittadinanza italiana perchè nipote di italiani emigrati in sudamerica.In ogni caso, la tua è una bellissima famiglia.Auguri per tutto.Mari

  12. Che bello questo post! Pensa che io vivo in una situazione socialmente definita "regolarissima": coniugata (pure in Chiesa perché c'è sempre chi sostiene che il matrimonio civile non valga al pari di quello concordatario…) con figlio nato in costanza di matrimonio eppure…..come dice il mio nik vengo definita abbastanza strana….. ho meno problemi burocratici (anche se a volte ho pure avuto quelli perché in passato pur essendo coniugati non avevamo la stessa residenza, quindi non appartenevamo allo stesso nucleo familiare, quindi quando il bimbo è nato lo hanno assegnato alla mia residenza -dove di fatto vive solo mia madre – e per far prendere al bambino la residanza col padre ho dovuto firmare mille autorizzazioni sotto lo sguardo indagatore di impiegate che mi bollava come "madre degenere" che appioppa il neonato al padre per disfarsene….) ma rimango un caso di studio.Un saluto,StranaMamma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...