A grandi passi

I trentaquattro anni si avvicinano a grandi passi. Non saprei dire se mi sento vecchia. Mi pare di sentirmi sempre io, magari un po’ meno estrema. Un sintomo forse è il fatto che a tratti adoro la routine, la normalità, un film la sera sul divano, il rito della colazione mattutina con Nescafé (che tra l’altro è finito! devo ricordarmi di comprarlo) e pane tostato con il tostapane giallo che non è Guzzini e il cui timer è ormai rotto da tempo, per cui sta a te tirare fuori le fette prima che si carbonizzino. A tratti mi piace persino quando la domenica mattina io e Nizam facciamo rapidamente le pulizie essenziali, ciascuno con i suoi compiti che si sono andati definendo da soli con il tempo.

Forse sono un po’ troppo casalinga. Non amo più passare le giornate fuori, saltando da un impegno all’altro. Anche se potessi farlo, probabilmente non lo farei. Eppure ancora la mia immagine “pubblica” è quella di una iperattiva, agitata, sanguigna. Stranezze della fama. Certo, qualche sfuriata in ufficio me la concedo. Qualche giudizio tagliente qua e là. Ma andiamo, quello è il patrimonio genetico.

Aggiornamento

E poi uno fa un test idiota su internet (Chi eri negli anni ’60?) ed ecco cosa viene fuori:

Di carattere forte e impulsivo, ti piace prendere l’iniziativa, non sopporti le angherie dei potenti e affronti a viso aperto le situazioni.

Facile all’ira e all’infervorazione, durante i discorsi il tuo tono di voce sale progressivamente.

Sei il tipico ribelle, spartano nell’abbigliamento e concreto nelle decisioni.

NEGLI ANNI ’60 DOVRESTI ESSERE STATO:

 

UN CONTESTATORE

2 pensieri riguardo “A grandi passi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...