Se la cucina creativa non era tanto nelle mie corde, arti come il cucito, lo scrap, il bricolage e ogni attività anche solo lontanamente affine mi sono precluse del tutto. Sono la donna meno "crafty" del pianeta. Su Mamma Felice mi guardo intorno timorosa, con l'ammirazione dell'incompetente assoluto, quando si disserta di riciclo, di panno lenci e di creazioni di tutte le fogge.

Per queste buone, ragioni, oltre che per la partenza incombente, avevo deciso di saltare la terza prova della CaT. Poi non so cosa mi ha preso. Forse la reazione allo stress degli ultimi giorni di lavoro. Forse una sorta di impuntatura di principio, tipo quella che mi ha fatto prendere la patente anche se non ho più guidato. Insomma, mi sono data al riciclo di collant e gambaletti d'annata ed è nato… una specie di gufetto. Non ho resistito al tocco di riciclo mammesco… notate, please, con cosa ho fatto il becco.

lullu 003
Meryem lo ha battezzato Lullu. Ci ha giocato un po', poi l'ha lanciato allegramente verso la finestra, forse per provare se volava.

lullu 005
P.S. L'influenza di Natalia, di cui mi è arrivato ieri il libro, inizia a farsi sentire: oggi ho tagliato la frittata di Meryem a cuoricini con le formine per i biscotti. La signorina ha apprezzato. Poi però, quando le ho proposto anche i pezzi avanzati, ha preteso di sapere "di che forma" erano. Ed ecco, magicamente, che le ho indicato con convinzione ali di farfalle, nuvole, aquiloni… Ha funzionato, ma magari la prossima volta studio meglio la superficie della frittata, così otttimizzo.

7 thoughts on “”

  1. ehi, ma cosa ti è preso? sei ancora tu?in effetti, non posso che dire che questa nuova chiara è ancor meglio di quella precedente – se lo stress da lavoro ti fa questo effetto, lavora, lavora, lavora!!!il gufetto è un amore. e anche la tua bambina.paola

  2. Meraviglioso frutto nato dalla fantasia… come quella che ti ha fatto vedere farfalle, nuvole e quant'altro: hai di sicuro un futuro come crafter, anche se ancora forse non lo sai… ;-))polepole

  3. Roba da Biennale, mia cara. Ma perchè ti butti giù in questo modo?Leggere il tuo blog è ancora più divertente , visto che ho avuto il piacere di conoscerti ( e di parlarti, soprattutto di parlarti, di parlarti e di parlarti) di persona.Ti immagino mentre lo racconti, invece di scriverlo, ed è bellissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...