Più precisamente

Leggo in rete il seguente status di Concita de Gregorio, che vale la pena di riportare.

E’ bastato leggere qualche post in giro per la rete per avere un’idea di quale potesse essere una manovra più giusta, semplice e gradita al popolo:
. Riduzione spese militari
. Riduzione spese e privilegi della politica
. Tagli ai vitalizi
. Patrimoniale una tantum per redditi sopra i 100mila euro
. Tassa del 10-15% sui capitali scudati
. Equilibrio dell’Irpef per le fasce più alte
. Eliminazione dei finanziamenti ai partiti
. Tracciabilità dei pagamenti sotto i 300euro
. Leggi pesanti per gli evasori
Tutte queste manovre avrebbero reso contento chiunque, a costo zero e (per la maggior parte) di lunga durata. Era così difficile? Magari bastava un giro in rete…

Concita de Gregorio

Obiezioni simili a queste si leggono un po’ ovunque, in rete. Tutto giusto, applausi. Ma credo che sia un po’ troppo facile adesso fare un’obiezione del genere, specialmente se negli ultimi venti anni si è stati impegnati in politica, in qualsivoglia modo. Certo che sono d’accordo. Posso anche aggiungere alla riduzione delle spese militari quelle per la sicurezza e per le misure, folli quanto sostanzialmente illogiche, di contrasto all’immigrazione clandestina. Manca da questo elenco l’ICI della Chiesa Cattolica e compagnia bella, che di diritto dovrebbero entrare in questo tipo di rivendicazioni.

Però corre l’obbligo di ricordare che l’Italia è finora sempre stata governata da governi democraticamente eletti. Governi che, anche quando avevano usato alcuni di questi temi in campagna elettorale (in forma molto, molto più soft), al dunque hanno sempre giudicato poco opportuno procedere in tal senso. La prudenza, il realismo, la stabilità, i tempi non sono maturi. Anzi, svariati governi precedenti (non solo uno, come erroneamente talora si legge) hanno costruito articolati quanto poco trasparenti accordi con lo stesso Gheddafi di cui ora si saluta con soddisfazione la dipartita (che anch’essa, come pure gli accordi e i relativi “risarcimenti”, è costata al nostro Paese cifre spropositate e irragionevoli).

Possiamo davvero seriamente dirci sorpresi che il governo Monti non abbia messo mano a quello che decenni di politica bipartisan non solo non hanno contrastato, ma hanno anzi pervicacemente costruito? Pensavamo che fosse arrivato il Messia, o cosa? Certo che nemmeno questa politica ci può bastare. Anche perché non è e non poteva essere sostanzialmente diversa da quella che ha caratterizzato la storia del nostro Paese da qualche decennio. Non mi piace neanche che si parli di moralizzazione, anche se non avere un presidente del consiglio in odore (intenso) di pedofilia non può che rallegrarci. Si tratta di darsi un tono di decenza, di porre un freno all’invedibile e all’indicibile. Poi sta a tutti noi cittadini capire se si può approfittare di questa, chiamiamola così, discontinuità per costruire una vera alternativa, dicendo chiaramente in faccia a chi ha preteso di rappresentarci che ci aspettiamo che faccia un passo indietro, chiunque sia. Ma il deus ex machina non possiamo proprio pretenderlo. Non dopo essere stati a guardare, magari osando persino riderci sopra, le sconsideratezze degli ultimi anni.

7 thoughts on “Più precisamente”

  1. Io mi chiedo quale sia il meccanismo che trasforma un soggetto saggio e onesto che entra in politica in un personaggio eletto poco chiaro e troppo fumoso. Tra il prima e il dopo c’è sempre la differenza che passa tra la strada e il palazzo: è facile parlare, molto più difficile agire. Insomma: se tutti noi sappiamo cosa è giusto fare, perchè poi in sede decisionale tutto ciò si perde?

  2. Eppure, eppure, io continuo a pensare che si sarebbe dovuto e potuto fare di più in questo frangente.
    Nel momento in cui partiti e lobby varie si trovavano disorientate ( e aggiungerei ” “disarmate”) dall’emergenza, si poteva e doveva osare di più. Perchè la politica non dovrebbe solo seguire pedissequamente il popolo, ma portarlo avanti e indicargli un progetto per l’avvenire .
    Sarò un’idealista, ma senza termini come questi la politica si riduce al maneggio guicciardiniano di piccoli interessi particolari. Come è stato fino ad ora.
    Credo che il governo Monti si sia perso una grande occasione, perchè il solito vecchiume, quello che segue la pancia del popolo, si sta già riorganizzando, ahimè!

    1. Confesso che io invece non mi aspettavo che Monti fosse espressione di una politica diversa, più coraggiosa. Non l’ho mai visto come il giustiziere delle lobby o del vecchiume. Piuttosto una reazione interna del sistema ai propri eccessi….

  3. In uno status di un amico degli amici, avevo letto qualcosa del tipo “Monti è l’espressione della destra nel senso più sano e civile, e governa con un parlamento a maggioranza di centro destra. Il centrosinistra, del resto, non ha vinto le elezioni. Quindi non possiamo aspettarci che Monti faccia qualcosa di sinistra”. Mi è sembrato molto sensato. L’unica cosa che non capisco, soprattutto quando si parla di destra, è perché non si combatta l’evasione fiscale facendo scaricare (magari poco) ma tutte tutte le spese superiori chessò ai 50 euro, senza tetti massimi. Allora sì che secondo me la gente chiederebbe sempre gli scontrini e le fatture, e che si potrebbe davvero avere una tracciabilità.
    Ma se a casa mia viene l’idraulico e mi fa uno sconto se non gli chiedo la fattura, che vantaggio ho se non posso scaricarla?

  4. Grazie alla Gelmini _ Giovani – scuola senza finanziamenti, anzi, finanziamenti ridotti, meno insegnanti con classi di 35 alunni e piu’, che magari hanno in classe disabili fisici e mentali senza insegnanti di sostegno..sarebbe importante investire sulle nuove generazioni,no? Ei denari si potrebbero trovare ma non si vuole!
    Basterebbe che questa finanziaria “lacrime e sangue” fosse stata paritaria con tutte le classi sociali, e non fosse appoggiata sulle classi deboli.
    Sarebbe bastato che si fosse attivata a tassare, magari (ma perchè?) in misura un pò ridotta lo STATO CITTA’ DEL VATICANO, che sta nella nostra Italia, tranquillo e scudato: possiede il 20% degli immobili che sono nel nostro territorio italiano,
    e NON PAGANO ICI, nè tasse comunali, nè acqua, nè discarica in fogna, nè, nè, nè: cioè nulla. TUTTO CIO’ e molte altre considerazioni sull’accanimento sulle fasce deboli e facilmente rintracciabili NON HA ALCUN SAPORE DI GIUSTIZIA, NE’ DI SERIO FUTURO PER I NOSTRI GIOVANI.

  5. si poteva fare di più e si poteva fare meglio. Monti è stato voluto da Giorgio Napolitano, ma ha trovato consenso a ds e a sn, doveva approfittare di quest’occasione unica, di questo momento a lui favorevole (che durerà poco, anzi secondo alcuni la luna di miele è già finita), di questa contingenza economica tanto sfavorevole che se lui avesse messo la patrimoniale, nessuno avrebbe avuto il coraggio di dire qualcosa….per non essere pubblicamente linciato. peccato. E’ vero ci speravo, tanto, tantissimo, appunto perchè lui è un tecnico, un esperto, un economista e non avrebbe dovuto rendere conto a nessuno, se non alla sua coscienza, perchè dopo non avrebbe dovuto farsi ri.votare o fondare un partito o presentarsi ad Arcore per fare rapporto, come uno stipendiato di B. Lo vedevo come una persona intelligente e libera. peccato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...