Nemici in autobus

Tornando a casa sull’autobus numero 44 mi sono ritrovata a formulare un pensiero che mi è già noto, perché mi torna in testa ogni volta che assisto a una situazione analoga. Tre ragazzi, seduti in gruppo, chiacchieravano tra loro di qualcosa che riguardava i loro documenti. Non capivo la conversazione, ma l’esperienza mi suggerisce che fossero afgani (presumo diretti a un centro di accoglienza gestito dal Centro Astalli, raggiungibile con quell’autobus). Sui 18-20 anni, uno con i capelli particolarmente strutturati a colpi di gel. Accanto a loro, nella corsia dell’autobus, un gruppetto di tre loro coetanei americani (nel senso di statunitensi). Vestiti in modo abbastanza analogo, anche loro con ciuffi che sfidavano la forza di gravità e, in diversa lingua, gli stessi accenti di scambio normale tra amici. I loro popoli si stanno combattendo da anni. Con un briciolo di forzatura, non sarebbe neanche impossibile pensare che il fratello di un membro dei due gruppi abbia sparato al fratello di uno dell’altro. In questo caso non hanno interagito, forse non si sono neanche notati (o più probabilmente gli afgani hanno notato gli americani, ma non viceversa). Ma in passato mi è successo di avere un simpatico volontario californiano in servizio in un centro di accoglienza pieno di giovani afgani. Lì c’è stata occasione di reciproco, esplicito riconoscimento. Sono sopravvissuti tutti e il volontario mi ha in seguito confessato che è stata un’esperienza che raramente dimenticherà. Non aveva mai pensato al conflitto in Afghanistan dal punto di vista di quei ragazzi, che sotto quelle bombe intelligenti hanno perso case, famiglie, progetti, speranze. Una questione di punteggiatura, si potrebbe dire. Ma una punteggiatura particolarmente drammatica. E quello che visto da una parte sembra “necessario” si svela improvvisamente per quello che è, insensato.

Converrete poi che le migrazioni, forzate e non, rimescolano le carte non poco. I conflitti, anche quelli che ci spacciano come scontri di civiltà, sono più territoriali e contestuali di quanto di creda e certe volte, in un luogo terzo, perdono ogni motivo di esistere. E tuttavia non è così semplice. Restano le reciproche, sia pure indirette, responsabilità. Resta il sano senso di appartenenza, che pure può accendere tante violente fiammate anche fuori tempo e fuori luogo (un po’ come accade con i miei amici ebrei rispetto a quanto accade in Israele). Restano reciproci i pregiudizi, alimentati talora da decenni di educazione a ciò finalizzata. Però vale anche quello che tanto mirabilmente racconta De André ne La guerra di Piero: un ragazzo afgano e un ragazzo californiano, se riescono a guardarsi onestamente negli occhi, si scoprono più simili di quanto non si aspetterebbero. “Lo stesso, identico umore”, le stesse aspirazioni a vivere sereni il proprio presente e il proprio futuro. “Ma la divisa di un altro colore”. Tutto sta a capire quando e quanto riescono a spogliarsi, almeno in parte, della divisa e essere liberi. Liberi nella loro simile, speculare, affascinante diversità.

7 pensieri riguardo “Nemici in autobus”

  1. Bellissimo post Chiara. Quante di queste storie per capirle bisogna viverle o toccarle un po’ da vicino. E proprio nel confronto tra ragazzi la similitudine è più evidente, quando ancora le cose importanti nella vita sono di divertirsi qui e ora.

  2. Ho provato le stesse cose e fatto simili riflessioni quando ho visto “Lettere da Iwo Jima” e “Flags of our fathers” di Clint Eastwood.

  3. un po’ piu’ terra-terra (oh, it’s friday!) non credo dimentichero mai il primo mondiale di calcio visto da expat, nella saletta comune dell’uni, seduti li’ rappresentavamo un buoni due terzi delle nazioni in gioco, un cambiamento radicale di prospettiva 🙂

  4. Annissimi fa un collega di università palestinese mi pose questa domanda: senti, suo fratello ha ammazzato i miei, i miei fratelli ammazzano i suoi, come faremo mai a capirci e a vivere insieme io e un israeliano, e io nel mio senza parole che ne è seguito ho pensato: e vabbè, ma allora che fate, continuate ad ammazzarvi fino a che non ne resta in piedi nessuno? Non è una soluzione neanche questa.
    Idem un ragazzino albanese che stava a fare con me l’ esame di olandese anni fa: ma lo sai che non ci ho capito niente, fino al giorno prima vivevamo tutti insieme e d’ accordo e da un giorno all’ altro `e scoppiata la guerra e c’ è stato tutto questo casino e per fortuna mi hanno mandato in Olanda/ e anche lì pensavo: cocco, ma se ogni volta che c’ era una festa nazionale serba i serbi uscivano per menare quegli altri in strada e viceversa, che a ogni festa nazionale la gente sagggiamente si chiudeva in casa e si faceva i fatti suoi, ma di quale andare d’ accordo, se a Scebenico gli amici mi dicevano: non andare a prendere il gelato lì, sono albanesi e sono sporchi?

    Ecco perchè poi dico che i volontariati e studiar fuori fanno tanto, ma veramente tanto nella vita e dovrebbero renderlo obbligatorio, prima o dopo l’ esame di maturità, un mese al centro Astalli.

  5. quando fai una vita in giro per il mondo per lavoro ti rendi condo che ci sono solo differenze di cultura ma non di personee la diversità la crea solo il denaro

    ciao
    Mauri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...